+39 346-32.47.528info@marmoartificiale.comL'originale Marmo Artificiale di Rima

La scheda tecnica

Home / La scheda tecnica

Scheda tecnica del Marmo Artificiale

Composizione: scagliola, acqua, colla animale, pigmenti in polvere ( ossidi, sintetici, terre naturali)

Peso: per lastre di 1 m. x 1 m. lo spessore minimo è di circa 2 cm. con un peso di circa 15 chili, applicato su muro lo spessore può essere di 6- 8 mm e di dimensioni e forme varie.

Reazioni: ha una buona impermeabilità i colori hanno una ottima resistenza alla luce. Pur essendo destinato ad applicazione su paramenti murari, la superficie ha una buona resistenza al calpestio la resistenza a sollecitazioni di trazione varia dagli impasti:

  • malto resistente impasto a palline ( graniti, rosso Verona, lumachelle, botticino, rosso di Russia,ecc);
  • Buona resistenza impasto a tacche ( brecce, porta santa, macchia vecchia, verde alpi, rosso Levanto,  ecc…);
  • Resistenza inferiore per gli impasti a secco ( onici, arabescati, cipollino,ecc..).

La tecnica del marmo artificiale, i cui caratteri peculiari si differenziano da altre tipologie, realizza specchiature assolutamente originali per:

  • Consistenza materica
  • Eleganza compositiva delle venature e degli agglomerati che costituiscono il disegno
  • Varietà e preziosità degli accostamenti cromatici
  • Trasparenza e lucentezza
  • Duttilità delle possibilità di impiego su supporto murario e non (cemento, gesso, legno…)

Tali caratteristiche discendono dalla vasta pratica applicativa che il Marmo Artificiale di Rima ha conosciuto grazie  alla larghissima fortuna di cui ha goduto per oltre un secolo nelle maggiori capitali europee. Si tratta di un sapere specifico,  frutto quindi di un lungo processo nel corso del quale competenze ed abilità si sono sedimentate.

Le competenze degli artigiani di Rima permettono oggi di recuperare con appropriati interventi di restauro manufatti  architettonici d’epoca, decorati con marmo artificiale.

La perfezione e la raffinatezza del nostro marmo è tale da poter costituire valida alternativa nelle situazioni in cui si richiedano integrazioni di superfici (piane, concave o convesse) o ripristino di porzioni soggette a dilavamento.